“…Le esperienze elementari del mondo sono fatte di metamorfosi, sparizioni, riapparizioni e trasformazioni, ogni morte annuncia una nascita,ogni nascita deriva da una morte, ogni cambiamento corrisponde ad una morte – rinascita e il ciclo della vita umana è inscritto nei cicli naturali della morte – rinascita…”.

Questa citazione di Edgar Morin esplicita esaurientemente il concetto della mostra.

ETERNO EFFIMERO parla del ciclo di vita – morte, attraverso la rappresentazione simbologica di farfalle, teschi ed ossa nei dipinti di Daniele Liguori  e la scenografica installazione di farfalle in porcellana e luminose sfere in ceramica intagliate e dipinte di Margherita Vellini.

La mostra alla sua seconda edizione, fortemente voluta da Roberta Gandini Lady of the House 133, si presenta completamente nuova e piena di colore e non mancherà di dare nuovi spunti agli spettatori interessati.